Home Approccio Italo Albanese “Come ho conquistato mia moglie? Mi finsi giornalista… Ora Erjona è più...

“Come ho conquistato mia moglie? Mi finsi giornalista… Ora Erjona è più famosa di me”

0

BOLOGNA – “Come ho conquistato mia moglie? Mi finsi giornalista…” confessa, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Blerin Dzemaili. Sua moglie, Erjona, la Wag più bella di Euro 2016, Miss Albania, fa impazzire il mondo dei social.

E quindi si finse giornalista… “le dissi che volevo fare un’intervista. Erjona l’avevo vista sui social, mi aveva colpito tanto. Poi ci vedemmo e capimmo che facevamo l’uno per l’altra. Stiamo insieme da tre anni e mezzo, da 22 mesi con noi c’è Luan. Ma ora Erjona è più famosa di me”.

Geloso? “Poco, anche se lei pensa il contrario. Mi fido molto di lei”. Come si sente da calciatore tra i più invidiati? “Mi fanno le battute gli amici, ci rido su”.

“Al Bolton – racconta Dzemaili – mi feci male: crociato e menisco, non vedevo la luce. Poi mi ha comprato Urbano Cairo, al Torino. È l’uomo che più ha creduto in me con Mauro Pederzoli. Poi Parma: ho trovato Guidolin, un maestro.Ma l’allenatore a cui devo di più è Lucien Favre, quello del Nizza. Dovreste andare a intervistarlo. L’ho avuto a Zurigo, a due tocchi con lui non vincevi mai, è stato pure un gran fantasista. Mi vorrebbe di nuovo con lui, ma va sempre in squadre che non hanno soldi. A Napoli mi volle Riccardo Bigon, che mi ha rivoluto qui a Bologna. Sono stati tre anni importanti.Dicono che tanta gente non vuole andare a Napoli, che si vive male. Smentisco tutti: si sta bene, mai avuto problemi. Il mio amico era Paolo Cannavaro, la persona più brava incontrata nel calcio in Italia. Torno spesso, sono pazzo della mozzarella e della pizza. Ho avuto grandi gioie, come la finale di coppa Italia vinta con la Juve nel 2012. Dolori? L’ultimo anno. Giocai meno, ma non è vero che non voglio stare in panca. Più gioco, più rendo, questo sì. E non è vero che non andavo d’accordo con Benitez, da lui ho imparato molto. L’ultimo anno ho sbagliato qualche atteggiamento, mi arrabbiavo. E ho capito che la storia era finita”. 

Poi parla della possibilità di chiudere la carriera al Monteral Impact di Saputo: “C’è feeling con Saputo. Ha capito che do tutto e che sono semplice. Se Napoli è stato il top, Bologna mi fa dire che non mi sono mai sentito così importante. C’è un allenatore che capisce i giocatori, ieri ci ha dato riposo di giovedì, sembra strano, invece no, avevamo fatto tre giorni intensi. Donadoni può stare a lungo e fare grandi cose, se sogna il Milan, dove è stato importante, dico che lo merita. Ma pure il Bologna può diventare una big. Guardate i lavori qui a Casteldebole, un grande centro sportivo che cresce, c’è il restyling dello stadio, lo sviluppo del marketing. Dirigente? Forse un giorno lo farò”./blitzquotidiano.it

Share:
Reklama juaj