Home Approccio Italo Albanese Il doppio standard dell’Albania

Il doppio standard dell’Albania

0

Di Blendi Fevziu

Qualche giorno fa, durante la tarda serata, alcuni portali stavano ancora lavorando sulle notizie quando le truppe di Polizia anti-terrorismo hanno portato Kastriot Myftaraj alla stazione di Polizia. La Polizia ha arrestato Myftaraj perché aveva pubblicato un articolo contro l’Ambasciatore UE Romana Vlahutin. A quanto pare, l’articolo ha promosso l’odio e la violenza. Non ho letto l’articolo di Kastriot Myftaraj.

Io non ho letto nessuno dei suoi articoli riguardo quella materia. Ma di solito ho sentito il rumore che fanno in pubblico. Un mix di paranoie con calunnie, insulti, rimproveri, invenzioni e spesso minacce. So che qualche anno fa ha pubblicato un libro di 900 pagine contro di me. Recentemente ha fatto una serie di articoli che erano sicuramente molto più aggressivi e offensivi rispetto a quello diretto verso l’Ambasciatore Vlahutin. Non ho prestato attenzione a tutto questo. Non l’ho preso sul serio, ma, oggi, considero il suo arresto un fatto molto grave. Non che mi sento male per Myftaraj. Ma il suo arresto testimonia che la legge è discriminatoria e proprio per questo è ingiusta e incapace di creare giustizia. Ci sono due ragioni per cui credo questo. In primo luogo, gli articoli di Myftaraj sono sempre stati pieni di calunnie e insulti contro altre persone pubbliche in Albania. Dubito che ci sia una personalità politica che si sia salvata dalla sua ostilità.

Una volta, all’inizio del 2000, e questo è stato l’unico caso se non mi sbaglio, è stato arrestato con l’accusa di incitamento all’odio religioso. Non ho seguito questo caso per apprendere i dettagli al fine di valutarlo. Ma in tutti gli altri casi, le unità anti-terrorismo, la Procura, le associazioni di giornalisti o le organizzazioni non profit che protestano per qualsiasi cosa, non hanno detto niente riguardo questo. Ma quando un Ambasciatore straniero è stato colpito, il Governo ha agito. Si tratta di un tipico doppio standard. Di fronte alla legge tutti dovrebbero essere uguali. La legge non può proteggere un Ambasciatore e arrestare un altro solo perché è un cittadino albanese. Myftaraj avrebbe dovuto affrontare la legge prima, ma questa volta viene ritenuto responsabile non per le sue parole, ma piuttosto a causa della paura e di un certo grado di coscienza di sé che abbiamo verso gli stranieri.

In secondo luogo, la legge non è stata applicata allo stesso modo per tutti. Gli articoli di Myftaraj sono pieni di insulti. Ma non è solo Myftaraj a scrivere articoli pieni di insulti, perché in tanti gettano veleno sui personaggi pubblici. Tanti diffamano e fomentano l’odio senza limiti, anche verso i bambini o gli adolescenti appena nati, perché il loro unico peccato è che i loro genitori sono personalità pubbliche. Quale istituzione rispettosa della legge ha preso provvedimenti contro di loro? Qualcuno di questi è stato accompagnato alla stazione di Polizia? C’è mai stato un Tribunale che ha emesso una sentenza equa, senza che la stessa venga utilizzata dalla stampa o dalla politica? Non c’è mai stato un caso del genere! È per questo che il caso di Myftaraj è discriminatorio.

In terzo luogo, i portali online sono pieni di commenti che portano all’odio e all’amarezza. Ogni giorno si trovano inviti aperti alla violenza, agli omicidi e alle minacce dirette contro i personaggi pubblici. La legge è mai stata applicata nei loro confronti? Mai, nemmeno una volta. Quando Majlinda Bregu ha richiesto una riabilitazione giuridica per quanto riguarda questo, tutti erano contro di lei. Così, il caso di Myftaraj è discriminatorio. Doveva accadere in molti altri casi, con altre persone.

In ultima analisi, la lingua usata dai politici è altrettanto fastidiosa, arrogante e piena di odio. I loro discorsi in Parlamento e i loro post su Facebook sono spesso molto peggio degli articoli del più cattivo dei giornalisti. Qualcuno li ha mai messi sotto accusa? Quasi mai. Ognuno si è giustificato dicendo che “questa è la politica”. Oggi, pur essendo stato molte volte al centro degli attacchi di Myftaraj, sono pronto ad ammettere che quando la legge è discriminatoria, non rende giustizia, ma rende ingiustizia!

 

Share:
Reklama juaj