Home Approccio Italo Albanese Trasferirsi a Vivere in Pensione in Albania

Trasferirsi a Vivere in Pensione in Albania

4
0
SHARE

Di ILLYRICUM SACRUM EXPLORER

Per chi non è mai stato in Albania, prima di prendere l’importante decisione di trasferirsi, consigliamo prima di fare una vacanza, magari molto lunga in cui ci si possa bene ambientare e decidere da solo quali sono gli aspetti positivi, quelli negativi e se vale la pena trasferirsi.

Sempre più pensionati italiani che si trasferiscono all’estero, scelgono l’Albania come mèta per varie ragioni che di seguito vedremo, ma c’è una ragione principale che spinge un pensionato medio a fare questa grande scelta di vita, cioè il costo della vita.

Gli italiani in età pensionabile o che comunque hanno più di 60 anni, hanno una visione dell’Albania completamente distorta dalla realtà.

In Albania per mesi ci fu una sorta di anarchia totale, e decine di poverissimi albanesi, arrivarono in Italia nei modi più disperati. Questo lasciò il segno nell’immaginario italiano, che per anni pensò all’Albania come un paese molto arretrato. In effetti c’erano tutti gli elementi, ma dal 1989 sono passati 30 anni e le cose sono totalmente cambiate, specialmente in questi ultimi 10 – 15 anni.

Il miglior momento per andare a vivere in Albania? Perché in Albania?

L’Albania, nonostante gli effetti della crisi economica mondiale, è un Paese con un tasso di crescita positivo. Le ottime relazioni tra i due Paesi pongono l’Italia come primo partner commerciale dell’Albania. Età media, 36,6 anni.

A Tirana ci sono oltre 20 mila italiani che studiano Medicina o fanno impresa con 1 euro, pagando il 15% di tasse. E il 70% degli abitanti parla la nostra lingua.

«C’è chi arriva per disperazione, chi per riscattarsi da fallimenti. Chi perché intuisce le potenzialità ». Burocrazia snella, 10% di pressione fiscale contro il 70 dell’Italia; settori dove si aprono praterie perché il livello di specializzazione è quello che è. «Il fenomeno migratorio al contrario è destinato a raddoppiare nei prossimi due-tre anni».

  1. Vicinanza geografica. Collegamenti dagli aeroporti principali con quello di Tirana in circa un’ora (o anche meno, dall’aeroporto Marco Polo – Venezia) via nave ( porto di Trieste-Ancona, Bari, Brindisi, con il porto di Durazzo), via terra, costa adriatica (ex-Jugoslavia). Trieste – Scuttari 850 km
  2. I due popoli hanno legami storici millenari. I rapporti tra Italia ed Albania sono antichissimi. Hanno iniziato, però, ad intensificarsi a partire dal 1926 quando l’archeologo Luigi Maria Ugolini inaugurò nel paese balcanico gli importanti siti di scavo di Phoinike e Butrint. Poi arrivarono i trattati economici degli anni ’30 e con essi lo sviluppo urbanistico ed architettonico di Tirana e di gran parte dell’Albania, grazie ad imprese e fondi italiani. Oggi l’Albania, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, è tornata ad essere considerata un importante partner culturale ed economico per l’Italia.
  3. Condizioni climatiche ottime. Il Paese Delle Aquile gode di un bel tempo soleggiato, con una media di circa 300 giorni di sole all’anno. La maggior parte delle precipitazioni annuali dell’Albania si verificano tra il tardo autunno e all’inizio della primavera.
  4. L’italiano è la seconda lingua per gli albanesi. Tanti di loro capiscono l’italiano senza averlo mai studiata.. Oggi si contano una decina di migliaia di giovani che lavorano in Albania come call center per l’Italia. Non ci saranno quindi molte difficoltà per un pensionato italiano che si trasferisce in Albania per la lingua.
  5. Affitare un appartamento (due stanze) arredato a Tirana o vista mare ( Durazzo, Valona e nelle altre città portuali) costa circa 250 eu al mese.
  6. Il cibo locale è genuino e non costa molto(non ci sono bollini blu per i prodotti bio ma non ci sono industrie). Cucina e cibo sono simili a quello italiano, anche se non uguale.
  7. Costo prestazioni mediche particolari: negli ultimi anni si sta affermando in Albania un turismo molto particolare, il turismo medico. Si parla soprattutto di prestazioni da dentisti ed odontoiatri, che pare siano molto bravi e particolarmente economici, il costo per un lavoro importante sui denti è di 1/3 rispetto ai dentisti italiani.
  8. Italiani d’Albania. Le file per il rilascio dei permessi di soggiorno ora si fanno anche in Albania. Dai dati del ministero dell’Interno albanese, il passaparola ha portato nel Paese delle aquile più di 20 mila italiani, anche se l’Anagrafe degli italiani all’estero (Aire) conta poco più di un migliaio di residenti registrati, altrettanti gli studenti in trasferta.
  9. Documenti necessari per visitare Albania. I viaggiatori facenti parte dell’Unione Europea non hanno bisogno di presentare il visto per un soggiorno in Albania inferiore a 90 giorni, ma è sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio oppure il passaporto. Come stabilito dalla normativa albanese, gli stranieri non possono soggiornare per un periodo superiore ai 90 giorni, pertanto chi deve trattenersi nel Paese per oltre 90 giorni, prima di partire deve obbligatoriamente chiedere un permesso di soggiorno alle autorità albanesi. Per quanto riguarda i bambini, i minori di 15 anni possono entrare in Albania solo se muniti di passaporto personale o della carta bianca, per ulteriori informazioni riguardo quest’ultima rivolgersi al comune di residenza.
  10. Il costo della vita: uno stipendio medio in Albania si aggira intorno ai 250 / 300 euro al mese, quindi con una pensione netta di 1.000 euro al mese è come vivere in Italia con una pensione da 2 mila euro. Costo viaggio Italia / Albania: se si va con il traghetto, il costo è di circa 100 euro a persona e 100 per il posto auto, ma questa è una cifra molto approssimativa, se si prenota e si va in bassa stagione si paga di meno. per un volo diretto Alitalia tra Bari e Tirana, il costo è di 133 euro a persona.
  11. TASSAZIONE DELLA PENSIONE: LA pensione INPS è tassata da un minimo del 10% ad un massimo del 15%. Grazie ad un accordo bilaterale con l’Italia la pensione viene pagata al lordo in Albania e tassata con quelle percentuali. Questo permette a molti pensionati di guadagnare fino ad un 15% in più di pensione.

Prima di prendere l’importante decisione di trasferirsi, consigliamo prima di fare una vacanza..

Share: