Fiera Agroalimentare di BAKU AZERBAIGIAN Maggio 2017

Fiera Agroalimentare di BAKU AZERBAIGIAN Maggio 2017

0

L’Azerbaigian sta proseguendo sulla via intrapresa della diversificazione economica. La via della differenziazione del suo sistema industriale e della sua economia mira a portare il paese, come ha affermato lo stesso presidente Iham Aliiyev, nell’era “post petrolifera”.

In Azerbaigian un ruolo di primo piano spetta anche al settore primario dove è impiegato il 40% della forza lavoro locale (il 47% della popolazione risiede in zone rurali).

L’Azerbaigian infatti può vantare una superficie coltivabile pari, secondo dati della Banca Mondiale, al 57,7%, della sua estensione totale ed una significativa varietà di aree climatiche compatibili con diversi tipi di colture. In evidenza è soprattutto il grano, che, con una quota del 64,1% (pari a oltre 1,8 milioni di tonnellate prodotte in un anno) costituisce il principale segmento produttivo dell’agricoltura azera.

Di recente altre coltivazioni hanno acquisito un peso maggiore. È il caso delle patate, la cui produzione in volume nel 2013 è aumenta del 2,5%, della frutta (+5,3%), della barbabietola da zucchero (+3,2%), dell’uva (+2,1%).

In Azerbaigian il settore Agroalimentare è in forte sviluppo e costituisce una componente chiave dell’economia non-oil e della politica del Paese. Nel 2015 si è registrato un aumento del PIL pari al 5.7%, sino ad un totale di 75.2 miliardi di dollari, di cui 660 milioni provenienti dal settore agricolo. La crescita economica del Paese negli ultimi anni ha portato un rapido aumento dei consumi, un’evoluzione dei gusti dei consumatori e la necessità di adeguare e modernizzare l’intero settore Agroalimentare.

L’apertura verso l’estero e gli incentivi e programmi governativi volti a favorire importazioni di know-how e investimenti esteri in tecnologia, creano un panorama ricco di opportunità. Il settore agricolo è inoltre completamente libero dai dazi doganali e gode di un regime fiscale molto agevolato.

Affidarsi all’esperienza e alla collaborazione della Camera di Commercio Italo-Azerbaigiana “Itarzecom” vuol dire poter contare su ottime competenze e abilità poichè obiettivo è quello di rappresentare il meglio della nostra impresa, il grande valore del know-how italiano e del vero Made in Italy, molto apprezzato e richiesto nella fiorente repubblica caucasica.

Anche in virtù della stretta collaborazione con le istituzioni della Repubblica dell’Azerbaigian, la partecipazione alla Fiera Agroalimentare di Baku, Azerbaigian, del 17-19 maggio (11 Edizione – Fiera dell’Agricoltura Caspian Agro 2017 e 22 Edizione – Fiera dell’Industria alimentare Worldfood 2017) costituisce un’occasione privilegiata per acquisire visibilità, aprirsi a collaborazioni per il mercato azerbaigiano e caucasico e internazionalizzare la propria impresa.

Un opportunità imperdibile per chi vuole far conoscere le proprie eccellenza nel mercato del Caucaso.

Opportunità:

“Il settore agricolo è completamente libero dai dazi doganali e gode di un regime fiscale molto agevolato”

“L’Azerbaigian può vantare una superficie coltivabile pari, secondo dati della Banca Mondiale, al 57,7%, della sua estensione totale ed una significativa varietà di aree climatiche compatibili con diversi tipi di colture”

“Affidarsi all’esperienza e alla collaborazione della Camera di Commercio ItaloAzerbaigiana

“Itarzecom” vuol dire poter contare su ottime competenze e abilità
poichè obiettivo è quello di rappresentare il meglio della nostra impresa, il grande valore del know-how italiano e del vero Made in Italy, molto apprezzato e richiesto nella fiorente repubblica caucasica”

Per informazioni:

Dott. Domenico Letizia – Laureato in Scienze Storiche, Political Analyst, Presidente dell’Associazione “Amici dell’Azerbaigian Centro Sud Italia” 3384162841 – do.letizia@gmail.com

Dott. Francesco Della Peruta, Agrotecnico – Laureato in Teconlogie delle Produzioni Animali, e membro dell’Associazione “Amici dell’Azerbaigian Centro Sud Italia” 3337821907 – francescohomer@gmail.com

Share:
Reklama juaj

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY